Su questo sito segnaliamo nuove uscite di saggi di interesse geografico e alcune delle recensioni a questi saggi pubblicate sulla Rivista Geografica Italiana.

Gentrification. Tutte le città come Disneyland?

Autore: Giovanni Semi | Editore: Il Mulino, 2013
Le transumanze notturne verso i luoghi della movida, le feste di strada, i mercati all’aperto itineranti, tutto quell’insieme di effervescenze che fanno sembrare una città vivace e dinamica sono ormai parte della cultura urbana. Ma quello che fa di un quartiere una meta turistica glamour è spesso frutto di una “artificiosa” riqualificazione che consiste nel risanamento, il più delle volte con interventi di speculazione immobiliare, di aree popolari e nell’espulsione degli abitanti originari, a favore di classi più agiate (la gentry per l’appunto). Vasti tessuti sociali vengono così lacerati per far posto ad un fiorire di negozi vintage, birrerie artigianali, pasticcerie siciliane a fianco di marchi transnazionali, in un panorama eclettico ma senza memoria.

Leggi Tutto »

Fare spazio. Pratiche del comune e diritto alla città

A cura di: C. Bernardi, F. Brancaccio, D. Festa, B.M. Mennini | Editore: Mimesis, 2015
Ripensando il tema del diritto alla città attraverso la nozione di comune, questo volume afferma un metodo utile a problematizzare il campo del discorso giuridico e, al contempo, a ripensare la spazializzazione del diritto. Dove la produzione del diritto investe la mutevole geografia del capitalismo, l’esperienza dei commons urbani ci parla di soggettività politiche eterogenee che abitano le città e che resistono alle logiche speculative della mercificazione, del consumo e della rendita. Questa spazializzazione del capitalismo a livello globale ci porta a ripensare lo spazio stesso, la sua produzione, il suo statuto simbolico, così come la sua organizzazione a diversi livelli scalari, in particolar modo in Europa.

Leggi Tutto »

Fermiamo il consumo di suolo. Il territorio tra speculazione, incuria e degrado

Autore: Paola Bonora | Editore: Il Mulino, 2015
Cosa intendiamo con consumo di suolo? Un prodotto della finanziarizzazione immobiliare e della rendita, di una pianificazione territoriale debole e compromessa, di ambiguità legislativa, e in più di speculazione, corruzione, opere inutili. Che significa disordine insediativo, invasione delle campagne, degrado paesaggistico e idrogeologico, incuria, ossia dissipazione dei patrimoni collettivi. Una formula di cui la retorica politica abusa senza che in realtà nulla cambi. È su questo che il libro ci invita a riflettere, analizzando lucidamente i contesti, i comportamenti, le implicazioni per la qualità della vita e dell’abitare, le relazioni sociali e le rappresentazioni culturali che concorrono a produrre e riprodurre il nostro ambiente di vita. E sottolinea l’urgenza di una coscienza del territorio capace di arrestare il processo e la sua irreversibilità.

Leggi Tutto »

Il diritto alla città

Autore: Henry Lefebvre | Editore: Ombre Corte, 2014 (riedizione)
Il diritto alla città di cui ci parla Henri Lefebvre non esprime semplicemente la rivendicazione di bisogni essenziali. Esso si configura come una qualità specifica dell’urbano, che comprende la possibilità di sperimentare una vita urbana alternativa. “Il diritto alla città – scrive Lefebvre – si presenta come forma superiore dei diritti, come diritto alla libertà, all’individualizzazione nella socializzazione, all’habitat e all’abitare”. Tale diritto implica perciò una riappropriazione di tempi e spazi del vivere urbano, una ristrutturazione delle relazioni sociali, politiche ed economiche a partire da un drastico cambiamento nell’arena decisionale. La riedizione di questo libro, apparentemente lontano nel tempo, appare particolarmente opportuna in un momento in cui in molti si chiedono se stiamo assistendo a una nuova crisi urbana, e il concetto di “diritto alla città” è largamente utilizzato per provare a definire le rivendicazioni dei movimenti sociali urbani contemporanei.

Leggi Tutto »

Cittadinanza. Geografie, filosofie, iconografie, economie

A cura di: M. Della Torre e B. Pedretti | Editore: Donzelli, 2014
“In quanto architetto – scrive Mario Botta – resto convinto che la città europea sia ancora oggi una delle forme più evolute, intelligenti flessibili e accoglienti dell’organizzazione dello spazio di vita dell’uomo”. Così una delle maggiori figure dell’architettura contemporanea racconta il centro tematico di questo volume che, in effetti, si propone di sottoporre la questione della città e del progetto urbano alle interpretazioni incrociate di un vero e proprio dibattito interdisciplinare. Gli autori, grandi intellettuali dei nostri tempi, s’interrogano sull’eredità della città europea e mediterranea, analizzata sia nelle dinamiche storiche dei sistemi di cittadinanza che l’hanno forgiata, sia nelle sfide cui la costringono i processi di globalizzazione.

Leggi Tutto »

La geografia del racconto. Sguardi interdisciplinari sul paesaggio urbano nella narrativa italiana contemporanea

A cura di: Davide Papotti e Franco Tomasi | Editore: Peter Lang, 2014
Lo rappresentazione dello spazio urbano – nella sua complessa e multiforme variabilità – occupa un ruolo sempre più rilevante nella narrativa italiana dell’ultimo decennio, tanto da apparire spesso quale vero protagonista delle storie narrate. In questo libro si presentano alcuni studi di taglio interdisciplinare mirati a sondare, attraverso letture che incrociano i metodi della geografia umanistica e della critica letteraria, come la dimensione urbana venga prendendo forma in alcune esperienze letterarie; ad analisi di carattere comparato che abbracciano più autori e più aree geografiche si affiancano nel volume letture concentrate su singoli autori e singole aree geografiche, tutte però convergenti nell’intento di cogliere i rapporti complessi e rifratti tra territorio urbano e forme del suo racconto.

Leggi Tutto »

I terroni in città

Autore: Compagna Francesco | Editore: Hacca, 2013 (riedizione)
Pubblicato per la prima volta da Laterza nel 1959, «I terroni in città» affronta la questione meridionale, l’urbanesimo, il mito della ruralità, il timore della scristianizzazione causato dall’esodo, nodi, all’epoca, al centro del dibattito sociale, culturale e politico. Leggendo questo volume, con amarezza si scopre che nessuna soluzione proposta ha salvato il Sud., ma neppure il paese intero, rendendoci tutti, di nuovo, terroni.

Leggi Tutto »

La nuova geografia del lavoro

Autore: Enrico Moretti | Editore: Mondadori, 2013
Negli Stati Uniti l’economia postindustriale, basata sul sapere e sull’innovazione, sta cambiando profondamente il mercato del lavoro, sia per la tipologia dei beni prodotti sia per le modalità e, soprattutto, le località in cui vengono realizzati, creando enormi disparità geografiche in termini di istruzione, aspettativa di vita e stabilità famigliare. Per alcune regioni e città la globalizzazione e le nuove tecnologie vogliono dire aumenti nella domanda di lavoro, più produttività, più occupazione e redditi più alti. Per altre, chiusura di fabbriche, disoccupazione e salari sempre più bassi.

Leggi Tutto »
Chiudi il menu