Ecologia e psicogeografia

Di: Guy Debord | Editore: Eleuthera, 2021

In questi saggi, scritti da Debord fra il 1955 e il 1988, ritroviamo a più di trent’anni di distanza un’altra delle sue geniali intuizioni, ossia la prefigurazione di una società in cui la pur necessaria lotta contro l’inquinamento avrebbe presto assunto un carattere statuale e regolamentare buono solo a creare nuove specializzazioni, nuovi dicasteri, nuove burocrazie… Così, sullo sfondo della celebre critica situazionista alla società dello spettacolo, se ne delinea un’altra altrettanto implacabile: quella a un certo ecologismo mistificatorio, molto alla moda, che non a caso si è con il tempo trasformato nell’immancabile complice della green economy. Per contrastare un simile appiattimento dell’ambiente e il conseguente addomesticamento comportamentale dei suoi abitanti, bisogna piuttosto ripartire dagli spazi della vita quotidiana, da quella pratica psicogeografica che consente di sperimentare un uso ludico del territorio e dunque realizzare possibilità inedite, persino fantascientifiche. E sta qui il senso che attraversa gli scritti di Debord: in una situazione come quella in cui ci troviamo a vivere, non ci resta che «considerare il peggio e combattere per il meglio».

Indice e primo capitolo: link

Filippo

https://web.uniroma1.it/memotef/users/celata-filippo